Viola CangI | Intervista

viola cangi3

Viola CangI | Intervista

Per introdurvi la fotografa di cui parleremo di seguito, mi viene da dirvi che le sue fotografie sono di quelle che ti fanno pensare: “anch’io vorrei vedere così…”.

Viola Cangi ha uno stile chiaro che viene fuori in ogni suo lavoro e che descriverei con queste parole: creativo, ispirato e delicato.

Vi consiglio vivamente di visitare sia il suo album su flickr che il suo blog : soprattutto se avete del tempo a disposizione perchè non vi stancherete tanto facilmente di guardare e riguardare tutte le sue fotografie!

Ma prima conosciamola un pò meglio…

Presentati:

Mi Chiamo Viola come primo nome e Margherita come secondo. Mia mamma è una che ama i fiori, anche se il nome proprio in realtà lo ha scelto mio fratello perchè così si chiamava una capretta della nonna.

Ho 25 anni e abito a Città di Castello in provincia di Perugia, qui si esce con la bici e si fa m’ama non m’ama con le margherite,  ragion per cui ultimamente mi chiedo spesso a cosa giocano i bambini che abitano nel centro delle grandi città.

©Viola Cangi

La fotografia nella tua vita: come e perchè?

Ho frequentato l’Istituto d’Arte, ambiente che mi ha molto avvicinata alle cose belle, come la fotografia, che gradualmente ha preso sempre più spazio nella mia vita.

©Viola Cangi

Cos’è che più ti affascina dell’arte fotografica?

C’è una cosa che più di tutte mi affascina ma che mi inquieta allo stesso tempo: l’occhio fotografico che chi fotografa possiede. La diversa ottica sotto la quale osservo ogni cosa, un viale alberato geometricamente perfetto, un viso, un particolare mai considerato. È come scattare fotografie nella mente continuamente ovunque si vada, osservare minuziosamente ogni dettaglio..me ne sento quasi schiava a volte.

©Viola Cangi

©Viola Cangi

Descrivici il tuo “parco macchine”

L’ultima arrivata è una Yashica MAT-124G preceduta da una Nikon d300s che si sono ambientate benissimo tra le mie mani. Quella che uso più spesso invece è una vecchia Chinon CM-4 che stava prendendo troppa polvere nell’armadio di mamma.

Ovviamente non mancano le polaroid, ma le uso pochissimo per  l’alto costo delle pellicole.

©Viola Cangi

Senza pensarci troppo: dicci tre cose che ti piacciono.

Camicette a fiori, concerti e  lasagne vegetariane.

©Viola Cangi

Come descriveresti il tuo modo di fare foto, il tuo stile?

Gelato allo yogurt e fragole intere.

©Viola Cangi

Stai lavorando a qualche progetto in particolare in questo  momento, o hai in mente qualcosa per il futuro?

Attualmente partecipo ad una mostra insieme a Serena Facchin in occasione di Citerna fotografiaOff presso il ristorante “Le Civette” a Citerna appunto. Mettendo in relazione le nostre foto io e Serena ci siamo accorte di avere un punto in comune, quello della mimetizzazione. “FotoSintesi”, il titolo del progetto, è l’espressione del nostro fonderci, attraverso le lenti degli obiettivi, al nostro intorno.

Personalmente ho voluto esprimere la mia visione di trasformazione FotoSintesiana con foto analogiche, tutte doppie esposizioni di persone,visi con l’ambiente circostante e/o fiori.

©Viola Cangi

Segui i lavori di qualche fotografo in particolare come fonte di ispirazione?

No, non uno ma tantissimi. Ogni settimana mi capita di innamorarmi dello stile artistico di un particolare fotografo più o meno conosciuto che, oltre ad essere uno stimolo, è veramente un gran piacere per gli occhi. Uno degli ultimi progetti che mi ha entusiasmato è quello di Paola Fiorini & Beatrice Mancini con “Love Camping”.

©Viola Cangi

Cosa ti piacerebbe sperimentare in fotografia? 

Mi piacerebbe avere un obiettivo megamacro per contare tutti tuoi microbi e dirti che non puoi mangiarti le unghie.

©Viola Cangi

Ci suggerisci una canzone da ascoltare alla fine di questa intervista?

Architecture in Helsinki – W.O.W

Grazie mille a Viola per la sua collaborazione!

Blog

Flickr.

 

Viola CangI | Intervista ultima modifica: 2012-05-10T09:50:58+00:00 da Gianna
Tags:
You might also likeclose