Silvia Ianniciello | Intervista

5616472476_1433486db5_z

Silvia Ianniciello | Intervista

Iniziamo la settimana con una nuova Piccola Intervista per conoscere meglio uno degli iscritti al nostro gruppo su flickr Gianna Magazine .

Lei è biondapiccola, all’anagrafe Silvia Ianniciello, amante della fotografia su pellicola, con particolare attenzione a tutto ciò che riguarda il LOW-FI e le toycamera in generale. Ed è proprio da questa passione che è nato il suo blog Holga my dear che vi consigliamo di visitare!

Se volete scoprire tutti i lavori di Silvia qui trovate l’album di biondapiccola , ricco di bellissime immagini dalle atmosfere romantiche. Ma ora conosciamola  un pò meglio…

Partiamo dalle presentazioni:

mi chiamo Silvia Ianniciello, sul web sono biondapiccola e sono nata nel 1986 a Rieti, una piccola e tranquilla cittadina del centro Italia. Dopo il liceo, mi sono trasferita nella caotica Roma per studiare Filosofia. Ora che sto per concludere gli studi universitari, sono impaziente di scoprire cosa ne sarà di me.

©Silvia Ianniciello

La fotografia nella tua vita: perché?

La fotografia nella mia vita è entrata tardi, solo qualche anno fa. Prima di allora, non me ne interessavo minimamente. Poi, quasi per gioco, ho ricevuto in regalo la mia prima toycamera e da lì tutto è cominciato. Da qualche anno sperimento e mi diverto con l’entusiasmo e la curiosità di una bambina, adoro vedere cosa può venire fuori da una pellicola e riportare le mie esperienze sul blog Holga my dear. Sviluppo e stampo in camera oscura appena posso.

©Silvia Ianniciello

©Silvia Ianniciello

Descrivici il tuo “parco macchine”

Sono tante, forse anche troppe. Mi ha sempre attirato molto il mondo del LOW-FI, per cui la maggior parte delle mie macchine sono toycamera o vecchie glorie piuttosto economiche: Holga 120 GN, Diana Mini, Diana, Supersampler, Lomokino, Agfa Clack, LOMO LC-A, Lubitel 166U, Horizon 202, Nikon EM. Amo la fotografia istantanea e l’idea che ogni foto sia un pezzo unico, per questo possiedo anche una Polaroid SX-70, una 600 e una Land Camera 320. Un anno fa mi sono costruita una pinhole-camera rimediata da una vecchia macchina istantanea di cui vado molto orgogliosa.

©Silvia Ianniciello

Come descriveresti il tuo modo di fare foto?

Lo definirei istintivo. Non nel senso del motto “non pensare, scatta”, ma fotografo quello che mi piace e mi colpisce, in quel momento. Credo di non avere uno stile e nulla di importante da dire a chi guarda le mie foto. Faccio solo ed esclusivamente quello che mi diverte, senza prendermi sul serio.

Senza pensarci troppo: dicci tre cose che ti piacciono.

Mi piace sporcarmi le mani, urlare ai concerti e viaggiare.

©Silvia Ianniciello

©Silvia Ianniciello

©Silvia Ianniciello

©Silvia Ianniciello

Ci suggerisci una canzone da ascoltare alla fine di questa intervista?

In my dreams – Eels

Visita  il suo blog Holga my dear.

Portfolio

Grazie Silvia per averci raccontato qualcosa di te!

Ci vediamo presto con una nuova Piccola Intervista.

 

You might also likeclose